Raspberry

Emulazione del Sense Hat su un desktop

Si può emulare un Sense Hat in due modi, o utilizzando l’emulatore online creato da una start-up statunitense (vedi qui) che vi obbliga ad utilizzare il collegamento internet, oppure potete installarlo sul vostro Raspberry, e vi permette di fare esperimenti anche se non avete a disposizione fisicamente un Sense Hat.

per installare i moduli python necessari….(nella prossima Raspbian dovrebbero essere installati di default)
sudo apt-get update
sudo apt-get install python-sense-emu python3-sense-emu python-sense-emu-doc sense-emu-tools -y

Per accedervi, andate sotto Desktop/Programmazione.

Qualcosa di analogo per le distribuzioni Ubuntu e derivate…
$ sudo add-apt-repository ppa://waveform/ppa
$ sudo apt-get update
$ sudo apt-get install python-sense-emu python3-sense-emu sense-emu-tools

___________________________________________________________________________

Ma le stesse cose si possono fare su qualunque distribuzione Linux….

Per installare su qualunque distribuzione vedere questa pagina

In particolare per tali distribuzioni bisogna installare le librerie python per il Sense Hat, con i seguenti comandi (da root)
python3 -m pip install sense-emu per Python3 o
python  -m pip install sense-emu per Python2

___________________________________________________________________________

In entrambi i casi prima si deve avviare l’emulatore con il comando da terminale sense_emu_gui (vi apparirà questa immagine) poi potete avviare la vostra applicazione Python.

AstroPi Challenge

astro_pi_logo_web-300px-261x250La Scuola Secondaria I grado GB Scalabrini di Fino Mornasco e la Scuola Primaria Giovanni XIII di Luisago (entrambe fanno parte dell’Istituto Comprensivo Statale di Fino Mornasco) sono state selezionate tra i trenta partecipanti italiani all’AstroPi Challenge, in collaborazione con l’ESA (European Space Agengy), che permetterà ai migliori di inviare sulla ISS (International Space Station) i programmi preparati dai team scolastici.

schermata-del-2016-11-24-18-09-06Il progetto del team Senior prevede lo studio dell’inquinamento luminoso per individuare le migliori zone per l’osservazione delle stelle, mentre quello del team Junior prevede la costruzione di un gioco (Virus e alieni sul pianeta Reflex).

Sono ben accetti volontari che possano dare una mano…

 

 

Installazione di DietPi su Raspberry

Dopo la chiacchierata con Bruno, oggi ho provato a installare DietPi su Raspberry….procedura abbastanza semplice (ma non così semplice come Raspbian).

Se volete provarla vi indico i passi iniziali.

dietpiDovete scaricare da dietpi.com facendo scorrere la pagina fino in fondo dove troverete il pulsante per scaricare il file  per il Raspberry. Lo mettete nella directory Scaricati, lo scompattate (è in formato 7z, non è detto che abbiate l’applicativo relativo) e otterrete un file in formato img…

A questo punto per installare su una scheda SD basta il comando, dopo aver smontato la scheda con il comando umount /dev/sdb1 e /dev/sdb2  ..verificate con il comando fdisk -l  che la SD sia /dev/sdb, simile a questo

dd bs=1M status=progress if=DietPi_v136_RPi-armv6.img of=/dev/sdb

Una volta finito, inserite la scheda nel Raspberry e avviatelo, DietPi si aggiorna, e dopo dovete settare con programmi testuali old-style alcune cose, non è difficile. Alla fine io ho scelto di installare Mate come desktop e adesso ho un sistema simil-Debian…ho avuto solo qualche difficoltà a settare il programma in italiano, ma se conoscete un minimo di linux basta editare il file /etc/locale…

 

 

 

Installare Fedora su Raspberry

Dalla Fedora 25 (che al momento è in sviluppo) vengono supportati i Raspberry 2 e 3.

Facilissima la sua installazione, io faccio riferimento all’utilizzo di una distribuzione Fedora, ma si può utilizzare qualunque distribuzione, o MacOS o Windows……

Per prima cosa dovete scaricare i file della distribuzione che si trovano qui

Potete scegliere la versione Beta sia Workstation (Gnome 3) o server o minimal o le varie spin (Mate, Lxde, Xcfe, etc..)

Attenzione che nelle composizioni notturne (nightly builds) troverete solo la Workstation (non è un problema, basta aggiungere dopo il desktop che si vuole…)

Con Fedora il metodo più semplice è quello di usare fedora-arm-installer (se non lo avete installatelo con dnf o con yumex)

successivamente:

$ sudo arm-image-installer --image=Fedora-IMAGE-NAME.raw.xz --target=none --media=/dev/XXX

altrimenti senza usare fedora-arm-installer:

xzcat Fedora-IMAGE-NAME.raw.xz
sudo dd status=progress bs=4M of=/dev/XXX #
dove XXX è la posizione della vostra scheda SD


A questo punto avete una scheda con Fedora pronta per essere inserita nel vostro Raspberry….

L’Wi-fi funziona out-of-the-box